La pulizia delle testine della cartuccia di una stampante




Se la cartuccia della nostra stampante non funziona più e l’abbiamo usata per brevissimo tempo, sicuramente vuol dire che abbiamo sbagliato noi qualcosa oppure che sono le testine di stampa che si sono riempite di polvere e non lavorano più nel modo giuto. Ecco come fare passo per passo come pulire per bene, così da non dover ricorrere ad un acquisto o ad una chiamata inutile ad un tecnico per nulla.

È importante capire quando il problema dipende dalle testine di stampa sporhce infatti basta leggere il numero di stampe massimo consentite dal produttore della cartuce e ricordare quelle già fatte, verificare se il secondo numero è di gran lunga inferiore al primo allora il problema, al 90%, è proprio quello delle testine sporche.
Questo succede quando non si pulisce spesso la testina di stampa e si fanno tante stampe. La testina infatti perde inchiostro e si deve controllare ogni tanto, se la stampa inizia a dare problemi può dipendere dalla pulizia. Si prendre un panno pulito con dell’acqua e si toglie l’inchiostro in eccesso che andava a ostruire i pori della furoiuscita dell’inchiostro dalla cartuccia ed ecco che tutto tornerà a funzionare a meraviglia.
Allora ricordate bene che se non si ha la possibilità di stampare nonostante le cartucce del colore siano nuove, non bisogna buttarle e cambiarle, bensì è necessario effettuare una piccola pulizia per tornare a far funzionare correttamente la stampante. Anche se si tratta di refill cartucce il problema è sicuramente sempre lo stesso.

Per prima cosa, è indispensabile staccare la stampante tramite l’USB, mentre dovrete attivarla solo con l’elettricità in modo tale che il vano delle cartucce sia portato al centro e aperto. Se la cartuccia è poco sporca basta dell’acqua se è molto sporca prendete dell’alcool etilico e mettetelo dentro un piattino, dopodiché lasciate per 2 ore le testine bagnate così da far sciogliere l’inchiostro. Infine, asciugate le cartucce, pulite bene le testine e sistemate nella stampante. Ecco fatto che potrete finalmente avere i vostri documenti stampati, senza acquistare delle nuove cartucce!

Le cartucce compatibili danneggiano la stampante?




Sapete se le cartucce compatibili facciano bene alla vostra stampante?

Spesso si dice di diffidare dalle cartucce compatibili, acquistando solo cartucce originali, ma spesso anche le cartucce compatibili sono molto buone.

E’ importante anche rivolgersi semper a centri specializzati come i negozi Prink o Ekostore, in cui si ha contatto diretto con il venditore, e quindi in caso di problemi si può avere la sostituzione del prodotto.

Molto spesso, girando per i negozi di elettronica ed informatica, è possibile notare come le cartucce di inchiostro costino tanto mentre le cartucce rigenerate costano molto meno. Ma quanto sono sicure le cartucce compatibili per le stampanti? Stando a quanto riferiscono gli esperti, le cartucce compatibili si presentano sicure al 95% dei casi ma possono in rari casi sorgere problemi legati al riconoscimento della stessa cartuccia da parte della stampante.Ecco ad esempio un elenco del 95% dei casi di problemi che possono dare le cartucce compatibili/rigenerate:

– Cartuccia non riconosciuta: La stampante tenderà a dare un errore nonostante il cambio e quindi sarà impossibile stampare.

– Cartuccia che stampa male, le stampe vengono male o addirittura il foglio esce bianco. In entrambi i casi, i prodotti sono da considerarsi difettosi, ma la stampante non si è rotta!! Semplicemente la cartuccia ha qualche problema (o di chip o di fuoriuscita dell’inchiostro) e quindi vi basterà ritornare nel negozio dove avete fatto l’acquisto, con lo scontrino d’acquisto e possibilmente la confenzione integra, e vi verrà sostituito con un altro prodotto.

Per il restante 5% al momento non si ha modo di valutarlo con statistici affidabili che possano dire: Si, le cartucce non originali rovinano le stampanti, oppure no.

Il motivo per cui si decide di optare per l’acquisto di cartucce per stampanti compatibili alla fine sta proprio nel prezzo che è molto conveniente e quidni pur temendo un po’ di difettare la stampante alla fine prevale la scelta di fare fare a centri specializzati la ricarica delle stesse cartucce oppure acquistare cartucce compatibili disponibili già presso i rivenditori autorizzati. Ad ogni modo, bisogna sempre far bene attenzione che la ricarica delle cartucce e la vendita di quest’ultime sia fatto da un esperto autorizzato poiché si potrebbe rischiare di cadere in gravi errori e ritrovarsi non solo con una cartuccia falsa, bensì anche con una stampante danneggiata e non più utilizzabile.

Stampante dell C1765nfw




Una buona stampante per piccoli uffici o uso domesticocon le sue cartucce è la Dell C1765nfw con tecnologia di stampa a LED. CE’ piccola e compatta e pesa poco.
Questa multifunzione oltre che stampare, permette di effettuare scansioni, copie, invio e ricezione di fax. Ha un alimentatore automatico (ADF)che fa la copia/scansione/fax di documenti multipagina fornte e retro in modo molto semplice e veloce. Il vassoio standard permette di contenere fino a 150 fogli di carta.
La stampante consente anche la stampa da dispositivi mobili grazie al servizio Dell Mobile Print for Android questo è molto utile se si è fuori casa o anche per stampare da remoto da iphone i pad.
La C1765nfw offre 3 tipi di connettività: USB, Wi-Fi ed Ethernet. L’installazione può essere eseguita sia utilizzando i driver contenuti nel CD, sia scaricando quelli aggiornati dal sito Dell. .
Nelle prove effettuate, la stampa di 10 documenti di testo differenti di una pagina ciascuno ha richiesto circa 2 minuti e 50 secondi.
La stampa di una foto a colori da 4928×3264 pixel in formato A4 invece 36 secondi.PEr le stampanti hp è consigliato l’hp color toner invece per stmpare a colori.
Non è molto velcoe ma la qualità di stampa è davvero molto buona, e migliore rispetto alla media delle stampanti laser simili a questa.
La stampante è compatibile con le varie versioni di Windows e Mac OS ed è compatibile anche con Windows 8.
Il prezzo base di questa stampante è di 398 Euro Iva Compresa. Le cartucce toner standard costano € 49,61 per il nero e € 58,08 per quanto riguarda i colori. Quelle ad alta capacità sono tutte vendute a € 71,39.

Email print di Epson

Le stampanti di oggi fanno progressi e si adeguano alla nuova realtà aziendale e sociale immersa nella tecnologia e nei pc. Epson ha comunicato l’arrivo di Email Print for Enterprise, un sistema innovativo per le aziende che collega i file da stampare via mail in pratica si possono spedire via posta elettronica i file da stampare, senza l’obbligo di installare driver sul pc e la stampante o scaricare applicazioni.

Restando all’interno dell’azienda e dei pc aziendali i file sono protetti e si possono stampare da un pc all’altro senza problemi, la stampa in modalità pull consente di non visualizzare i documenti in attesa nella coda di stampa e richiede l’accesso degli utenti a un’interfaccia riservata con delle password con cui si ppuò controllare la stampa interna. Anche la stampa tradizionale in modalità push è ugualmente sicura e offre i servizi di stampa soliti e tradizionali con cartucce e cartucce ricaricabili.

In un’azienda dove oggi serve velocità ed efficienza questo nuovo sistema le unisce entrambe per ottimizzare il lavoro dei dipendneti e i profitti generali.

Con tutte e due le opzioni, gli utenti possono quindi spedire via posta elettronica il file da stampare da qualsiasi dispositivo dell’azienda che sia reso compatbilie e se si renda necessario stampare da computer collegati in rete o da dispositivi mobili Wireless collegati alla LAN dell’ufficio, la sicurezza è garantita, dal momento che i documenti restano all’interno del network aziendale, protetti dal firewall.
Le username e passowrd sono quelle che vengono usate da ogni utente per il opropio pc e in questo modo, gli amministratori dell’infrastruttura IT non sono obbligati a configurare nuovi indirizzi di posta elettronica e nuove password per tutto il sistema con un notevole risparmio anche di costi per la ditta. Inoltre l’eliminazione in automatico dei documenti non sbloccati dopo un determinato periodo di tempo permette di abbassare in modo considerevole i costi di stampa.

Samsung Xpress M2022W

Nell’articolo di oggi voglio parlare di un prodotto che rappresenta il futuro delle stampanti, perfetto per il tema di questo blog. Si tratta di Samsung Xpress M2022W, la prima stampante wireless per smartphone e dispositivi mobili, l’ormai prossimo futuro delle stampanti ad uso domestico.

Il primo modello è già in commercio da alcuni mesi con prezzo di listino di 85€ e rappresenta una vera novità per tutti coloro che hanno sempre odiato fili e collegamenti usb di vario genere. La stampante permette infatti di stampare tramite Wi-Fi e collegamento NFC, senza nessun bisogno di collegamento via cavo. È possibile quindi stampare foto e documenti direttamente da iPhone ed iPad, semplicemente stando in prossimità del dispositivo; è ovviamente supportato anche Android, che con Google Cloud offre una funzione aggiuntiva, ovvero la possibilità di stampare anche quando si è fuori casa.

La configurazione è veramente molto semplice e si può iniziare a stampare da subito, volendo è a disposizione la modalità Driver Easy Eco che permette di risparmiare sino al 20% di cartuccia. Il modello attuale funziona con cartucce ricaricabili nere, ma in futuro uscirà una versione anche con laser color toner, per chi desidera stampare a colori. Apparentemente sembra un limite importante, ma la stampa in bianco e nero vi permetterà sicuramente di ridurre in modo considerevole il consumo di cartucce. La ricariche si trovano già in commercio su Amazon, a partire da 30€.
Le dimensioni compatte ed il design moderno la rendono una stampante perfetta per tutte le case, da riporre affianco al pc sul tavolo, collegando il solo cavo di alimentazione. 33,2 x 21,5 cm, probabilmente il dispositivo di stampa più piccolo in commercio, senza contare il peso ridotto rispetto ad una comune stampante con scanner incorporato.

Ciò che la rende innovativa è la possibilità di controllarne tutte le funzioni tramite apposita App scaricabile dallo store Apple o Google, che vi permetterà non solo di lanciare la stampe ma anche di controllare il livello d’inchiostro delle cartucce e lo stato d’efficienza della stampante stessa.
È sicuramente l’antenato che darà vita ad un futuro trend nella produzione delle stampanti, che in pochi anni potremmo vedere quasi esclusivamente senza fili ed appunto gestibili tramite una semplice app.

Se la cosa via ha stuzzicato la potrete trovare in tutti i megastore d’informatica a su Amazon, a 70€ con spese di spedizione gratuite.

Stampa su materiali rigidi

Da 12 anni a questa parte è possibile stampare immagini e disegno o loghi direttamente su materiali rigidi, basta assicurarsi che la stampante sia in grado di lavorare con tali materiali. Consigliamo pertanto di evitare sistemi che non permettono di intervenire adeguatamente sulla maggior parte dei substrati rigidi. Per la decorazione di materiali rigidi conviene ricorrere a sistemi a letto piano o a stampanti dotate di nastro trasportatore. Ogni tipo di stampante per questo tipo di lavoro presenta vantaggi e svantaggi specifici e comunque si sa che non esiste una stampante universale, in grado di affrontare qualsiasi compito, perciò si deve prendere in esame spessore, peso per metro quadrato, dimensioni e scivolosità del materiale quali criteri determinanti per la scelta del tipo di stampante più adatta alla lavorazione richiesta.

È possibile oggi stampare su ogni tipo di materiale, naturale o sintetico, dalla pietra al legno e alla plastica, premesso che si disponga della stampante adatta, e anche dell’inchiostro adeguato, di un primer e del giusto strato protettivo o procedimento di sigillatura. Infatti oggi il mercato delle applicazioni per arredo di interni nel campo della decorazione da interni ha avuto uno sviluppo significativamente più rapido da quando la stampante a inchiostro viene spesso sostituita da alternative elettroniche.
La ceramica è tra i materiali quello più frequentemente stampanto come sui pavimenti, nei bagni e anche sulle pareti. A Fushan, in Cina, il centro più grande di produzione di ceramica del mondo ci sono dei produttori di piastrelle che espongono decorazioni di interni d’ogni tipo. Non occorre necessariamente realizzare un’intera parete in ceramica, ma, ad esempio, sezioni intermedie, come un lungo dipinto in tessere di ceramica, si possono anche realizzare ripiani di tavoli oppure banconi o sportelli in ceramica stampata. Sono soprattutto luoghi di ritrovo e locali dove troviamo spesso materiali decorati, ma si possono certo anche portare nella propria abitazione o l’ufficio.

Stampa su tela

Oggi la tecnologia consente di stampare le foto su tela e questa viene utilizzata spesso come regalo e nelle foto dei matrimoni o degli eventi importanti.
Ma come stampare una foto su tela? Il processo per la stampa su tela si avvale di
una stampante
una tela
carta transfer
nastro di colore chiaro
stoffa
ferro da stiro
forbici
personal computer

All’inizio si deve elaborare la fotografia al pc con un apposito programma di grafica e disporlo in anteprima stampa in modo tale da non sprecare spazio nell’area.
Poi si stampa la foto sulla carta transfert e la si taglia. Posizionare l’immagine con il lato stampato sulla tela, disporla sul piano rigido e passare il ferro da stiro molto caldo per 5 secondi per fissare l’immagine.
Dopo che il foglio si sarà raffreddato si stacca lentamente dalla tela ed a questo punto apparirà la fotografia. Seguendo questo procedimento si possono ricreare immagini e quadri di tutti i tipi per ogni occasione e personalizzate. I colori come la tempera o olio possono essere utilizzate per migliorare il disegno anche se l’effetto bianco/nero è quello che rende maggiormente bella l’immagine. Infine si può passare al telaio la stoffa per creare un perfetto quadro.
Stampare una foto su tela è un modo per creare un articolo del tutto personalizzato ed introvabile. L’importante è seguire i passi perfettamente, non avere fretta ed essere precisi nelle operazioni di taglio, modifica e stampa come fa un fotografo professionista. Anche a casa volendo si può fare questa operazione ma è meglio affidarsi a un esperto che ha macchinari adatti e anche tanta pratica in più per rendere al meglio le nostre foto.

La piccola stampante laser di Samsung Xpress M2022W

L’articolo che vi mostriamo oggi non è di certo adatto alle grandi azienda, ma va detto che potrà essere di grande aiuto nei piccoli uffici.

Samsung Xpress M2022W non è una stampante tradizionale, bensì si presenta come un apparecchio dalle dimensioni ridotte che potrà aiutarci soprattutto se lavoriamo in un ufficio piccolo e desideriamo svolgere delle pratiche in modo rapido. Questa stampante laser per ufficio, con connettività WI-Fi protected e Nfc, ci permette di stampare documenti o foto utilizzando direttamente il proprio dispositivo mobile ovvero il tablet o lo smartphone.

Questo apparecchio pesa solo 4 chilogrammi ed ha dimensioni in altezza e profondità di poco superiori ad un foglio formato A4; la stessa è in grado di stampare ad una velocità massima di 20 pagine al minuto. I dispositivi mobili, però, hanno la possibilità di entrare in contatto con la stampante laser tramite Wi-Fi Protected Setup e riescono a stampare immediatamente il materiale con il pulsante Wps. Nel caso in cui fosse necessario, si potrà anche sfruttare il supporto Nfc, uno delle quattro modalità di connessione Wps.

Samsung Xpress M2022W non è molto silenziosa e funziona grazie ad una Ram DI 128 Mbyte; è in grado di lavorare velocemente, lanciando la prima stampa in meno di 8 secondi con una risoluzione da 1200X1200 dpi, proprio come una vera stampante da ufficio. Il cassetto della stampante può contenere fino ad un massimo di 150 fogli ed è venduta ad un costo inferiore di 80 euro circa. Naturalmente, come già si può immaginare, il costo del toner originale è sempre un po’ elevato, poiché si parla di 50 euro.

Melody Laurino

Hp annuncia la prima stampante 3D

Hp ha deciso di presentare per il mese di giugno un’interessante novità: si tratta della prima stampanti 3D firmata da Hewlett-Packard.

Una volta risolti i primi problemi che erano emersi con i primi modelli di sperimentazione, HP è finalmente pronta ad introdurre sul mercato la prima stampante adatta per realizzare oggetti 3D. Si tratta di una proposta davvero molto interessante, rivolta al mercato dei consumatori che desiderano avere per se un prodotto di ottima qualità ed allo stesso tempo ideale per soddisfare le necessità di stampa.

Con molta probabilità, il mercato delle stampanti 3D offrirà grandi soddisfazioni e HP stima sin da ora che gli introiti aumenteranno di molto negli anni, poiché le esigenze saranno sempre di più diverse e al passo con i tempi. Non vi resta che attendere il mese di giugno per portare a casa la vostra stampante HP. Siete già curiosi di testarla?

Melody Laurino

La stampante ad acqua contro il disboscamento

Direttamente dalla Cina arriva una scoperta interessante che permette di ridurre l’inquinamento ed il disboscamento: si tratta di una stampante ad acqua.

Gli studiosi asiatici si sono messi a lavoro per trovare una soluzione green ed allo stesso tempo interessante per rispettare l’ambiente, senza continuare a disboscare il propri polmoni verdi. Si tratta di una stampante con inchiostro per stampanti in grado di sfruttare l’acqua per stampare su foglio: il risultato, però, è garantito solo per 24 ore e, una volta trascorsa la giornata, i fogli saranno nuovamente utilizzabili e, dunque, riciclabili.

Per la realizzazione di questo prodotto, messo a punto dai chimici dell’Università cinesi di Jilin, si va così a sostituire l’inchiostro tradizionale con l’acqua, e la ricarica cartucce, riducendo così quello spreco di carta che all’interno dell’ufficio raggiunge la percentuale del 40%. Insomma, si tratta di una trovata davvero geniale che potrebbe portarci a ridurre le emissioni, rispettare di più l’ambiente e produrre meno carta da gettare. E voi che cosa ne pensate?

Melody Laurino