Tipi di stampanti




Le stampanti possono essere classificate in base alla loro tecnologia, a getto d’inchiostro, laser; ma per l’utente la prima cosa da sapere è la modalità colore della stampante.

Stampanti RGB

stampante rvb La maggior parte delle stampanti di consumo ha un profilo RGB non progettato per essere presente.
La maggior parte delle stampanti consumer sono stampanti RGB, sebbene il sistema di stampa si affidi alle cartucce d’inchiostro CMY. In questo tipo di macchina la conversione da RGB a CMYK è eseguita internamente e per l’utente questo materiale è definito in uno spazio RGB, in altri treme il profilo colore che definisce la stampante sarà un profilo RGB, di solito un sRGB.

Questo tipo di prodotto non è progettato nè caratterizzato da un profilo colore, anche se è possibile farlo ma il software di profilazione non offre i parametri per ottenere un profilo accurato.

Stampanti CMYK

Configurazione tipica delle DTP, il RIP esterno alla stampante riceve i file CMYK. il RIP può stampare nel profilo della stampante o simulare un altro profilo CMYK.
Le stampanti in modalità RGB possono essere facilmente trasformate in un dispositivo CMYK sostituendo il driver con un RIP. Questo RIP posizionato su un computer funge da interfaccia tra l’utente che ora vede una stampante CMYK. Deve quindi essere inviato file CMYK e i profili che li definiranno sono profili CMYK. Questo tipo di flusso ha il grande vantaggio di consentire l’uso del profilo CMYK come anteprima e di controllare l’aspetto dell’output senza dover stampare.

Sistemi ibridi

La qualità di riproduzione di questo tipo di macchina è simile a una cinepresa. Il suo spazio colore è comunque più piccolo di una stampa argento.

Esiste un altro tipo di stampante RGB utilizzata dai laboratori fotografici come Fuji Frontier, Durst Lambda, ecc. Il processo di queste macchine si basa sull’esposizione di una carta fotografica da sorgenti luminose RGB. Questi sistemi non sono aperti alla gestione del colore e solo i file sRGb possono essere inviati a loro come profili sorgente.

Acquistare online i toner Lexmark




I toner Lexmark si possono comprare anche su Internet oltre che nei grandi magazzini e conviene, perché costano meno.

Scegliere Internet piuttosto che i negozi

Comprare on-line piuttosto che nei negozi fisici i toner Lexmark conviene per molti motivi, non ultimo quello del risparmio. Scegliendo un sito serio e conosciuto l’acquisto di un toner Lexmark sarà rapido e veloce permettendo a chiunque di risparmiare tempo e denaro. In un negozio bisogna fare la fila, aspettare di essere serviti e magari doverci tornare a fare nuove file perché il toner Lexmark non funziona e va sostituito; su Internet è tutto diverso, si segue una procedura guidata molto semplice e si aspetta che l’acquisto arrivi a casa, senza doversi muovere né perdere tempo.

Oggi non ci sono più rischi a comprare on-line

La maggior parte delle persone compra toner Lexmark su Internet perché se agli esordi degli e-commerce c’era qualche perplessità a comprare a scatola chiusa, oggi tutto viene svolto alla luce del sole e i rischi di incappare in qualche truffa sono minimi. I siti che vendono toner Lexmark sono parecchi e bisogna scegliere quello giusto basandosi su molti fattori e non solamente sul prezzo. Naturalmente il risparmio c’è comunque, anche sui portali dove i toner Lexmark sono un po’ più cari, tuttavia a volte c’è parecchia differenza di qualità tra uno e l’altro. Le variabili da considerare includono anche la garanzia e il diritto di recesso, cose molto importanti perché se si compra a distanza bisogna tutelarsi in caso di problemi. Prima di scegliere bisogna analizzare attentamente tutto il portale, scoprire la sede e se ha un numero telefonico ed anche un negozio fisico, tutte questioni che lo rendono più affidabile.

Su Internet si trovano tutti i tipi di toner

È praticamente impossibile possedere una stampante che non abbia il toner Lexmark in vendita su Internet, perché ormai il commercio on-line ha preso il sopravvento rispetto a quello fisico e quasi tutti i commercianti tra quattro mura hanno anche il loro sito Web. La vendita di toner Lexmark al banco è spesso abbinata a quella on-line, il che produce un maggior guadagno ed è anche motivo di fiducia ulteriore da parte dei clienti che possono recarsi di persona dal venditore pur risparmiando, perché comprando sul sito i toner Lexmark li pagano meno piuttosto che nel negozio fisico. La spesa inferiore è dovuta al risparmio logistico della gestione di un magazzino dove tenere la merce che magari potrebbe rimanere invenduta. I commercianti acquistano dai grossisti prodotti che sono già venduti all’utente finale e il passaggio è rapidissimo senza sostare in nessun magazzino con conseguenti costi.